Prolungamento del servizio di salvataggio su Cervia, un’attenzione doverosa da porre verso i lavoratori del settore e verso i cittadini

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, unitamente alla Rsu della Coop Bagnini Cervia, invitano l’amministrazione regionale e comunale a valutare concretamente per le prossime stagioni balneari di prolungare il servizio di salvataggio obbligatorio nel mese di settembre oltre la seconda settimana. Tale richiesta è giustificata da diversi fattori: la tendenza consolidata a un clima tipicamente estivo con temperature elevate e bel tempo per tutto il mese, l’elevata presenza di bagnanti anche oltre la scadenza del servizio di salvataggio obbligatorio, il consistente numero di stabilimenti balneari e attività stagionali ancora aperti e funzionanti, l’esigenza di destagionalizzare per offrire un servizio adeguato alle aspettative dei turisti e frequentatori della località. Chiediamo di porre maggiore attenzione da parte delle istituzioni e non solo, sia verso i lavoratori del settore che per effetto Covid 19 sono stati quest’anno fortemente penalizzati in termini economici, e verso i cittadini e bagnanti penalizzati in termini di sicurezza. A supporto di tale richiesta, si segnala che ci sono già esempi di località che in maniera lungimirante, da diversi anni, prorogano il servizio di salvataggio di almeno una settimana in settembre e, a inizio stagione, anticipano il servizio obbligatorio nei fine settimana di maggio seppur in modalità ridotta, dimostrando che è una scelta economicamente sostenibile anche in anni critici come l’attuale. Anziché procedere in ordine sparso, i sindacati di categoria ritengono che sarebbe molto utile armonizzare i provvedimenti e la regolamentazione del servizio di salvataggio, adottando le stesse tempistiche per l’intero territorio emiliano-romagnolo.
La nostra iniziativa di sensibilizzazione proseguirà affinché si raggiunga una definitiva strutturazione di un importante servizio che deve rispondere sempre meglio alle esigenze di qualificazione, qualità e sicurezza dell’offerta turistica di Cervia.
Condividi: